Vetrina rossa mestre gay monza

vetrina rossa mestre gay monza

... Annunci escort Monza per incontri accompagnatrici Monza. Ragazze, trans e mistress del Mese. Bacheca annunci gigolò toy boy accompagnatori per donne e ragazzi escort gay per uomini in tutta Italia solo su Rosso Boy. BakecaIncontri: Ti senti solo e vorresti passare del tempo in piacevole compagnia? Stai cercando amici oppure sei alla ricerca di uomini o donne a Venezia da. Vetrina rossa mestre gay monza

La cattedrale cittadina dedicata a San Pietro , sita in via Indipendenza, fu costruita nel XVII secolo sulle rovine dell'antico edificio paleocristiano.

In via De' Gombruti 7 è presente una sinagoga del su progetto di Guido Muggia. Poco lontano dal centro storico si trova il Cimitero monumentale della Certosa di Bologna , che fu aperto nel trasformando la precedente Certosa di San Girolamo di Casara, costruita nel e soppressa da Napoleone. Alle porte di Bologna, al confine con San Lazzaro di Savena , si trova un complesso militare della seconda guerra mondiale.

Il cimitero maggiore è il cimitero polacco , il più grande dei quattro cimiteri militari dei polacchi caduti in Italia durante la seconda guerra mondiale. Le torri gentilizie di Bologna , di origine medioevale, sono uno dei tratti più caratteristici della città. Di esse, circa un centinaio in origine, ne sopravvivono oggi solamente diciassette. Fra le torri superstiti si possono citare la Torre Azzoguidi 61 metri di altezza , la Torre Prendiparte 59,50 metri , e le ben più note due torri: Le due torri sono i monumenti simbolo della città: La maggior parte dei palazzi di Bologna risalgono principalmente all'epoca in cui la città era inglobata nello Stato della Chiesa tra il XVI e il XVIII secolo e appartenevano alle famiglie senatorie che governavano Bologna a quei tempi.

Alcuni furono costruiti altri, già presenti, solo ammodernati. L' Archiginnasio di Bologna è uno dei palazzi più significativi della città: Il palazzo fu costruito nel su progetto di Antonio Morandi detto il Terribilia , ed è ricchissimo di storia e opere d'arte. Citiamo il complesso araldico murale che si compone di più di stemmi studenteschi , e il teatro anatomico che risale al , sala dedicata allo studio dell'anatomia a forma di anfiteatro, costruita in legno d'abete, soffitto a cassettoni, e decorata con statue di illustri medici del passato e di modelli anatomici dell'artista Lelli.

Dal è sede della Biblioteca Comunale. Per quanto riguarda le ville, in alcuni casi si tratta di antichi conventi o luoghi di culto che, in età napoleonica, vennero venduti a privati e in qualche occasione trasformati appunto in ville. Queste sono state e sono ancora dimore appartenenti alle famiglie più agiate della città. Alcuni notevoli esempi di questi edifici si possono trovare nei dintorni della città, sui colli circostanti oppure verso San Lazzaro.

Uno dei più noti simboli di Bologna è la fontana del Nettuno , sita nell'omonima piazza, adiacente a piazza Maggiore. Voluta dal cardinale legato Carlo Borromeo , fu progettata da Tommaso Laureti ed è sormontata da una statua rappresentante il dio del mare Nettuno, opera del Giambologna. All'interno del Parco della Montagnola è situata la fontana costruita in occasione dell'Esposizione emiliana del , con sculture che raffigurano animali, ad opera di Diego Sarti. In epoca storica Bologna ebbe tre cerchie di mura: La seconda cerchia, detta " dei Torresotti" o "del Mille" è tradizionalmente attribuita alla metà del XII secolo , anche se ora gli storici hanno preso in considerazione una retrodatazione di circa un secolo.

Di essa - dopo il discutibile abbattimento avvenuto all'inizio del XX secolo - sono rimaste dieci delle dodici porte e alcuni piccoli tratti murari. Entro il tracciato di queste mura il tessuto urbano della città è rimasto in gran parte intatto: Una linea difensiva ancora più esterna all'ultima cerchia di mura fu costituita da strutture militari non connesse tra di loro.

Si trattava di diciassette lunette e nove forti , dislocati perifericamente nella porzione pianeggiante della città. Ne rimangono esempi esigui, talvolta solo nella toponomastica , come ad esempio il caso dell'area occupata dallo spazio pubblico adibito a parco giochi , oggi noto come Giardino della Lunetta Gamberini.

La costruzione di questa linea difensiva ebbe inizio nel per volontà dal Gen. Manfredo Fanti [21] , ministro della guerra del Regno di Sardegna a cui Bologna, con tutta la legazione delle Romagne , era appena stata annessa. L'età media dei cittadini bolognesi è in crescita, ma dalla fine degli anni novanta è aumentato anche il numero delle nascite. Dopo la diminuzione di residenti avvenuta negli anni ottanta - in genere a beneficio dei comuni della cosiddetta area metropolitana , alcuni dei quali hanno anche raddoppiato la loro popolazione - all'inizio del XXI secolo si assistette a una ripresa del saldo migratorio.

In particolare nel periodo gennaio - gennaio si possono evidenziare tre trienni: Tuttavia l'agglomerato urbano, comprendente per convenzione la prima cinta di comuni confinanti con il Comune capoluogo, raggiunge A Bologna è nata una delle prime "Chinatown" italiane, [26] con i primi insediamenti di cittadini cinesi risalenti agli anni trenta, ampliatisi negli anni cinquanta e ottanta.

L'area dove si concentrarono fin dall'inizio le comunità cinesi comprende le zone della Bolognina e di Corticella soprattutto attorno a via Ferrarese.

A partire dagli anni novanta del XX secolo Bologna ha registrato un aumento dell' immigrazione dall'estero, che nel ha raggiunto le Le nazionalità maggiormente rappresentate erano [27]:. Negli anni, la maggior presenza di immigrati si è concentrata prevalentemente all'interno del quartiere Bolognina, trasformando quest'ultimo in un quartiere multietnico [28]. Bologna è la città italiana pioniera del movimento per i diritti LGBT.

Tuttavia il primo movimento gay, il "Circolo di cultura omosessuale 28 giugno", si è attivato in città già nel e nel ottenendo gli spazi dedicati dal Comune [29].

Ha sede in città anche il MIT - Movimento Identità Transessuale , una onlus fondata nel , di cui è stata presidente fino alla sua scomparsa Marcella Di Folco , prima associazione di questo tipo in Italia [30].

Nel capoluogo emiliano si conta una comunità gay e gay-friendly molto numerosa: Oltre al Gay Pride , che si svolge ogni anno in città, vi sono manifestazioni legate a tematiche LGBT, quali per esempio: Nella cultura popolare Bologna è nota come la grassa per la cucina , la dotta per l'università , la rossa per il colore dei mattoni degli edifici del centro storico, anche se spesso l'aggettivo è riferito al pensiero politico "rosso" diffuso tra la popolazione della città e la turrita per l'elevato numero di torri costruite nel periodo medievale, anche se ad oggi solo 24 sono sopravvissute.

Nel Bologna è stata Capitale europea della cultura , mentre nel è stato conferito alla città il riconoscimento da parte dell' UNESCO di Città creativa della musica , la prima in Italia, la seconda in Europa dopo Siviglia. Nel a Bologna si è tenuta la Biennale dei giovani artisti dell'Europa e del Mediterraneo , considerata la più importante vetrina mediterranea della creatività giovanile.

Molte istituzioni culturali e universitarie hanno sede alla Manifattura delle Arti , un'area recentemente recuperata negli spazi dell'ex Manifattura Tabacchi e dell'ex macello. L' Università di Bologna è considerata la più antica università del mondo occidentale. L'alto numero di studenti, provenienti da ogni parte d'Italia e del mondo, ha un notevole impatto sulla vita della città.

Se da una parte questo afflusso contribuisce a vivacizzare in maniera significativa un centro storico in cui l'età media dei residenti sarebbe altrimenti molto alta , d'altro canto le amministrazioni locali devono spesso confrontarsi con problemi di ordine pubblico e di sporcizia legati all'animata vita notturna della zona universitaria.

Affianca la celebre università l' Accademia di Belle Arti di Bologna , che ha sede nella via omonima. Si considerano fondatori della prima accademia per l'insegnamento delle discipline artistiche in città i Carracci nel , anche se è ritenuta come data di fondazione il col nome di Accademia Clementina. Ospita ogni anno circa millecinquecento studenti. Il Conservatorio Giovanni Battista Martini di Bologna è uno dei più antichi conservatori statali italiani e ha sede in Piazza Rossini, 2.

La fondazione del conservatorio Liceo musicale di Bologna , che raccolse l'eredità dell'Accademia Filarmonica di Bologna risale al ed è considerata la prima scuola musicale pubblica in Italia. Fra i suoi studenti di rilievo, fra gli altri, si annovera Gioachino Rossini.

Senz'altro il più longevo esempio di istituzione accademica straniera è il Collegio di Spagna , che ospita studenti dei corsi di dottorato ed è l'unico collegio medievale XIV secolo sopravvissuto in Europa. Il capoluogo emiliano ospita anche alcune università private riconosciute, come L.

Nel Cinque-Seicento Bologna fu sede di numerose accademie, come quella degli Oziosi , quella artistica degli Incamminati e quella musicale dei Floridi. L' Accademia delle scienze dell'Istituto di Bologna è stata fondata nel in collegamento con la locale università. A Bologna si trovano più di cento biblioteche, fra cui 4 comunali, 11 di quartiere e più di 70 universitarie, dislocate in diverse zone della città.

Fra le più note e frequentate vi sono la Biblioteca Comunale dell'Archiginnasio ex sede dell'Università e la Biblioteca Sala Borsa inaugurata nel La più fornita, con oltre 1. Di notevole interesse, e di capitale importanza in ambito nazionale ed europeo, è anche la Cineteca di Bologna , istituzione comunale dedicata al cinema e alla filmografia.

Vi sono inoltre diverse biblioteche tematiche come quella sulla storia del Novecento dell' Istituto storico Parri Emilia-Romagna , quella dell'Istituto Gramsci, la Biblioteca Italiana delle Donne, la biblioteca del Museo internazionale della musica , la biblioteca emeroteca del MAMbo e numerose altre.

Bologna possiede quarantatré musei nei quali, accanto alle collezioni permanenti, sono organizzate mostre temporanee. I principali musei civici sono: L'Università ha propri musei, quasi uno per ogni facoltà, fra cui spicca il Museo di Palazzo Poggi comprendente numerose collezioni di storia naturale, anatomia e ostetricia, fisica e chimica, architettura militare, geografia e nautica, e arte orientale.

Ad essi si aggiungono i musei religiosi. Manifattura di Arti, Sperimentazione e Tecnologia nel In via del Pratello a Bologna è nata nel Radio Alice , una delle prime radio libere italiane, chiusa dai Carabinieri durante le contestazioni del , [41] seguita poco dopo da Radio Ricerca Aperta [42].

Nel bolognese occupano stazioni radiofoniche le principali emittenti italiane. Inoltre, alcune radio e syndication , anche a diffusione nazionale, hanno sede in quest'area.

Le principali emittenti di Bologna e hinterland sono:. Hanno sede a Bologna molte tv locali, nonché alcune reti e syndication nazionali, oltre alle sedi regionali Rai e Mediaset. Nel è nata Orfeo TV, il primo esperimento di televisione di strada, aderente al network Telestreet. In una casa di Bologna è stato girato il primo reality show italiano, Davvero , trasmesso nel da Rai 2.

Numerosi editori hanno sede nel bolognese, sviluppandosi principalmente nei settori della scolastica, della saggistica universitaria, della letteratura , del fumetto e dell' arte. Vi sono inoltre diversi service editoriali e agenzie letterarie. I toscani Cimabue e Giotto hanno inoltre lasciato poche ma importanti testimonianze in città.

Durante il Rinascimento , specialmente sotto la signoria dei Bentivoglio , Bologna fu patria dei pittori Amico Aspertini e Francesco Francia , mentre vi operarono anche i ferraresi Francesco del Cossa e Lorenzo Costa. Ma è fra la seconda metà del Cinquecento e l'inizio del Settecento ovvero dal Manierismo al Barocco che la scuola bolognese di pittura raggiunse il suo culmine con artisti del calibro del Domenichino , i Carracci fondatori dell' Accademia degli Incamminati , Domenico Tibaldi , il Guercino , Guido Reni , Elisabetta Sirani , Prospero Fontana , Lavinia Fontana e moltissimi altri, mentre vi operarono anche il Parmigianino e Donato Creti.

Le opere di questi artisti si possono ammirare nelle chiese e palazzi cittadini, nonché nella Pinacoteca Nazionale di Bologna. Bologna è patria, nativa e adottiva, di molti grandi scrittori e poeti italiani, come Guido Guinizelli , Giosuè Carducci primo italiano a vincere il Premio Nobel per la letteratura all'inizio del XX secolo , Giovanni Pascoli e Pier Paolo Pasolini.

È anche la culla di alcuni fra i migliori giallisti italiani, tra cui Loriano Macchiavelli , considerato il decano degli scrittori giallisti di Bologna; altri esponenti del genere sono Grazia Verasani [43] , Danila Comastri Montanari , Giampiero Rigosi , Marcello Fois ecc. Bologna ha una lunga e radicata tradizione nel fumetto. Fin dal dopoguerra il fumetto ha preso piede in città, anche grazie ai numerosi disegnatori, sceneggiatori ed editori che vi hanno operato e si sono affermati come alcuni dei più importanti esponenti del fumetto italiano, come Magnus , Bonvi , Silver e Vittorio Giardino , considerati i pionieri dei fumettisti bolognesi.

Fra le case editrici bolognesi che si occupano di fumetto vi sono Coconino Press e Kappa Edizioni. L' Accademia di belle arti di Bologna ha aperto nel la scuola sperimentale di fumetto e illustrazione , la prima in Italia, che ha fra gli insegnanti alcuni dei migliori disegnatori della scena italiana.

È tuttora attivo un antico coro polifonico fondato nel , il Coro Euridice. A partire dal a Bologna viene organizzato il Concorso internazionale di composizione "2 Agosto": Ogni anno la sera del 2 Agosto le opere vincitrici ed altre commissionate ad hoc vengono suonate in Piazza Maggiore in un grande concerto gratuito.

Mozart prese lezioni di contrappunto da padre Martini, all'epoca considerato come il più grande teorico musicale e il più grande esperto d'Europa nel contrappunto barocco. Esistono due versioni della prova di esame, entrambe conservate al Museo internazionale e biblioteca della musica di Bologna , una delle quali scorretta.

La città ha una grande tradizione nella musica leggera contemporanea, con molti musicisti e cantautori di successo e una miriade di artisti emergenti, tanto da poter definire una scena musicale bolognese.

Vasco Rossi , originario di Zocca , ha a Bologna la sua residenza fiscale e qui ha sede la sua etichetta discografica, gli studi di registrazione Open Digital Studios, e un locale di sua proprietà, il Makia.

Bologna è stata fra le prime città italiane a diffondere la cultura del jazz , anche grazie a festival di grande richiamo come il Bologna Jazz Festival e il più recente Alma Jazz, e a musicisti di calibro internazionale che qui sono nati o vi si sono stabiliti o formati, come Paolo Fresu , Jimmy Villotti , la Doctor Dixie Jazz Band , Moris Fabbri, il collettivo Bassesfere ecc. Numerosi locali continuano a proporre con successo questo genere, fra cui alcuni specializzati.

Il 17 settembre è stata inaugurata a Bologna la Strada del jazz , costituita da via Caprarie e via degli Orefici, con una manifestazione pubblica che ha ospitato numerosi concerti.

La prima stella dei miti del jazz è dedicata a Chet Baker ed è posta sul marciapiede di fronte al portone dove un tempo sorgeva il Musiclub di Alberto Alberti [53]. Alla fine degli anni settanta , ed in particolare nel contesto del Movimento del '77 e delle prime esperienze di radio libere come radio Alice , Bologna divenne un luogo chiave del punk rock e della new wave in Italia. Dalle cantine all'asfalto , tenutosi al palasport di Bologna il 2 aprile Celebre fu la contestazione organizzata dai punk bolognesi durante il concerto dei Clash in Piazza Maggiore nel , evento identificato da molti come l'atto di nascita dell'intero movimento hardcore in Italia.

A partire dalla fine degli anni ottanta , Bologna è stata una delle città più importanti per la cultura hip hop , ospitando artisti e gruppi quali Neffa , Sangue Misto , Joe Cassano , Deda , Inoki , DrefGold e molti altri, e grazie a luoghi presso la quale questa cultura veniva supportata e diffusa fin dai primi anni novanta , come il centro sociale Isola nel Kantiere.

Negli Anni l'hip hop bolognese ha visto attivi gruppi come i Porzione Massiccia Crew , una delle prime crew hip hop multietniche in Italia fondata dal rapper Inoki, e i Fuoco negli occhi. Durante gli anni novanta emerse a Bologna un punto di aggregazione devoto alla musica elettronica , il Link, al cui interno nascerà Netmage , uno dei maggiori festival italiani di live media ora confluito nel Live Arts Week. Il teatro è stata una forma di intrattenimento molto diffusa a Bologna fino dal Cinquecento.

Il primo teatro pubblico fu il Teatro della Sala , attivo a partire dal nel Palazzo del Podestà. Una figura molto importante del teatro bolognese e italiano fu Alfredo Testoni , il commediografo autore de Il cardinale Lambertini , grande successo teatrale sin dal , riproposto poi sullo schermo dall'attore bolognese Gino Cervi. Nel il Comune di Bologna ha dato vita al progetto "Bologna dei Teatri", un'associazione che riunisce le principali strutture teatrali della città.

Si tratta di un circuito di teatri dall'offerta culturale variegata, che spazia dalla commedia dialettale bolognese alla danza contemporanea, ma con una strategia di comunicazione e promozione unitaria. In concreto, gli spettacoli in cartellone nei vari teatri aderenti al progetto vengono pubblicizzati settimanalmente attraverso una locandina unica. A Bologna ha sede la prestigiosa Cineteca , già presieduta dal regista Giuseppe Bertolucci , e successivamente da Carlo Mazzacurati e poi da Marco Bellocchio.

Grazie all'apporto fornito dagli studenti del DAMS sono attive in città parecchie produzioni cinematografiche indipendenti. Numerosi sono i festival dedicati al cinema che si tengono in città, fra cui: Ogni estate in piazza Maggiore viene allestito un cinema all'aperto, con uno degli schermi cinematografici più grandi d'Europa [60] , in cui si proiettano tutte le sere alcuni dei migliori restauri della Cineteca e altre pellicole fra le novità della stagione, in un cartellone di oltre cinquanta appuntamenti denominato Sotto le stelle del cinema.

La fama internazionale della cucina bolognese risale al Medioevo, quando le potenti famiglie signorili impiegavano presso le loro corti i cuochi più celebrati del tempo, mentre numerose erano già nel Trecento le osterie cittadine.

La tradizione gastronomica di Bologna è strettamente legata all'Università: Abbonda anche l'uso di latticini, quali il burro, il formaggio molle e il Parmigiano Reggiano. Le numerose ricette di origine bolognese, diffuse in tutto il mondo come eccellenze della cucina italiana, e la proliferazione in città di attività commerciali legate al cibo, hanno spesso condotto la stampa italiana e straniera ad attribuire a Bologna l'appellativo di Città del cibo City of food.

Sui colli bolognesi vi sono numerose aziende vinicole che producono varie tipologie di vino tipiche, fra cui il Pignoletto DOCG [64]. Oltre alle numerose fiere di respiro internazionale nell'area della Fiera di Bologna, la città ospita frequentemente importanti eventi, festival e rassegne. Nel si tenne a Bologna il IV Congresso internazionale di filosofia ; vi parteciparono filosofi italiani e provenienti da ogni parte del mondo.

Nel si tenne la Biennale dei giovani artisti dell'Europa e del Mediterraneo. Cultura e creatività; Innovazione tecnologica; Inclusione sociale; Trasformazioni urbanistiche e infrastrutturali [69]. Le altre due città italiane invitate a questa edizione dell' Esposizione Universale sono state Venezia area Protection and Utilization of Historical Heritages e Milano area Sustainable Urbanisation.

L' area metropolitana di Bologna costituisce una delle prime 10 città metropolitane italiane e conta una popolazione di oltre 1 milione di abitanti, [70] con una rilevante influenza economica e culturale sulle città e regioni limitrofe.

Secondo la classificazione detta FURs perimetrazione basata sui flussi pendolari [71] il nucleo urbano della città di Bologna ha una popolazione di La città e la sua area metropolitana , parametrate anche su scala economica , culturale , commerciale , industriale , congressuale , fieristica , finanziaria e sociale, rivestono quindi un'importanza, in ambito nazionale ed europeo, assai superiore a quanto espresso dal semplice parametro demografico men che meno a quello della popolazione ufficialmente residente nel ristretto ambito comunale.

La conferma di questo arriva da uno studio condotto nel dal gruppo Reclus di Montpellier e commissionato della DATAR Délégation à l'Amenagement du Territoire et à l'Action Régionale , nel quale si formula una classificazione per grado d'importanza delle città con più di duecentomila abitanti di quattordici Stati dell' Europa Occidentale e mediterranea: Nonostante l'esigua popolazione comunale Bologna è stata anche inserita, dal gruppo di studio GaWC, tra le cento città globali o Città del Mondo , in virtù della sua importanza culturale ed economica invero in categoria D, cioè città globali in formazione, con bassa evidenza [73].

Il comune è suddiviso amministrativamente in sei circoscrizioni di decentramento , a cui lo statuto attribuisce il nome di "quartieri": Il centro storico di Bologna è uno dei più antichi e vasti d'Europa. In alcune case si trovano ancora le fondazioni della città romana risalente al II secolo a.

La struttura del centro storico composta dalla sovrapposizione di due modelli planimetrici, quello romano ortogonale e quello medievale a raggiera, con piazza Maggiore posta in mezzo e i "raggi", a partire dalle due strade centrali della via Emilia - via Rizzoli e via Ugo Bassi - che si sviluppano fino alle varie porte che si aprono lungo i resti delle mura.

Caratteristica principale delle abitazioni, ereditata dall'architettura del passato e riproposta anche in chiave moderna in quasi tutta la città, è quella di avere all'esterno i portici.

In epoca moderna, la città ha visto la riqualificazione architettonica e urbana di vaste zone prima considerate degradate. I grattacieli di Tange sono un esempio di progettazione moderna che richiama, seppure in modo astratto e in chiave assolutamente contemporanea, elementi propri della tradizione urbana emiliana, come le torri e i portici. Al centro del Fiera District fu progettata una zona pedonale, piazza della Costituzione, la cui costruzione fu affidata a Isamu Noguchi.

Fra gli ultimi esempi di riqualificazione attraverso l'architettura contemporanea, troviamo il complesso del nuovo palazzo comunale nella zona della Bolognina: Palazzo Bonaccorso e piazza Liber Paradisus.

Un progetto di investitori privati, invece, ha portato alla realizzazione della Torre Unipol , un grattacielo alto metri, sito nella periferia est della città. Bologna ospita un'importante rete di industrie meccaniche, elettroniche e alimentari e un gran numero di imprese di artigianato. La città metropolitana ospita, in proporzione, il maggior numero di imprese per abitanti in Italia. La CNA Confederazione nazionale dell'artigianato e della piccola e media impresa , registra all'inizio del , un numero di Con un PIL pro capite a parità di potere d'acquisto di Il numero delle macchine da seta raggiunse le unità nel momento di massima espansione, secoli prima della rivoluzione industriale.

Oggi Bologna si trova al centro di un importantissimo distretto industriale meccanico ed elettromeccanico e più recentemente meccatronico , affermatosi in particolare in ambito motoristico e del packaging. Nel settore del packaging, sviluppatosi a partire dagli anni '20 , spicca il gruppo Coesia G.

Volpak - Cima - Sasib. In ambito metalmeccanico vi si trova la Paioli , la Cesab produttore di carrelli elevatori, mentre nel più ampio settore delle produzioni industriali il Gruppo Industriale Maccaferri. Fra le industrie agroalimentari di grande rilevanza, a Bologna troviamo: Nel settore dei servizi ambientali, l'azienda leader nel territorio è Hera. Nel capoluogo emiliano hanno sede importanti istituti finanziari nazionali e regionali, tra i quali l' Unipol , l' UnipolSai , la Carisbo , la Banca di Bologna , l' EmilBanca - Credito Cooperativo.

Negli ultimi anni nel capoluogo emiliano sono nate numerose start-up nell'ambito delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione. Qui ha aperto nel Working Capital , uno degli acceleratori per imprese di Telecom Italia. Ma rispetto solo a pochi anni orsono, sono molto meno i numeri di questo mercato all'aperto del sesso. Il floridissimo mercato del sesso a pagamento ha semplicemente cambiato luoghi, strade , scegliendo le più discrete "autostrade" telematiche dei portali internet.

Vere e proprie vetrine virtuali dove, con svariate foto e descrizioni esplicite di caratteristiche e prestazioni, si incontrano donne, trans e uomini passeggiando sui bit informatici di un'ambiente forse più adatto ai tempi odierni. Basta fare una semplicissima scansione su un qualunque motore di ricerca per trovare un'offerta vastissima per tutti i gusti, tendenze e inclinazioni. Da parte di chi offre invece sesso a pagamento, basta affittare o comprare un account spazio informatico , caricare delle foto, scrivere caratteristiche, inclinazioni, prestazioni, il numero di cellulare e il gioco è fatto.

Numeri di cellulare sempre presenti, con prezzi un po' per tutte le tasche. C'è addirittura la possibilità di rilasciare un feedback , un po' come un tripadvisor dei ristoranti e hotel, traslato alle escort. Qui sono presenti anche i cosiddetti "verificati", con feedback accertati dai clienti e contatori di visite per una classifica delle o dei più cliccate. Gli accordi sui prezzi si trattano via telefono, sia per conversazione audio che per messaggi.

Anche in questo caso è presente la caratteristica " verificato " e la presenza o meno in città in un determinato periodo. Questo per le "operatrici" e "operatori" itineranti, che si spostano cioè in varie zone della regione. Presenza di donne, trans, uomini con foto, descrizioni e recapiti utili alle trattative.

Vetrina rossa mestre gay monza

ANNUNCI FETISH ROMA GAY ROMEO BETA